Quindici anni di classiche della Quick Step

Si fa presto a dire “fenomeni”. Detta così potrebbe sembrare una celebrazione sterile, istantanea, fine a sé stessa, il modo giusto per continuare a celebrare chi è già stato celebrato tante volte, tante da far finire gli aggettivi. Ma dietro quel “fenomeni” c’è qualcosa di più, c’è un modo di vivere e gestire il ciclismo che è evidentemente vincente: c’è lungimiranza, c’è pianificazione, c’è capacità correre “con le idee chiare”, sempre pronti a fare la mossa giusta, a farla nel momento giusto.

A dimostrarlo sono i numeri: dal 2003, quando Quick Step divenne main sponsor prendendo il posto di Mapei, al 2018 sono trascorsi quindici anni e in quindici anni di classiche di primavera la Quick Step ha vinto per quarantuno volte: tanti fenomeni e qualche meteora, dalla Omloop Het Nieuwsblad di Johan Museeuw alla Liegi di Jungels passando per i successi di Boonen, Van Impe, Bettini e Terpstra, una dinastia vincente che sembra ancora lontana dal declino.

Ecco un mini riassunto di quindici primavere di Quick Step:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *