Curiosità | Il “cuore matto” di Simon Yates

Vuelta 2018, seconda tappa: da Marbella si va verso il Caminito del Rey, nel mezzo 163km. Una tappa che sembra un elettrocardiogramma, una serie di saliscendi con un finale cattivo, in pieno stile Vuelta: con una di quelle salitine iberiche brevi, ma tutte in doppia cifra.

Nulla di particolare se non fosse che proprio in questa tappa quello che poi sarebbe stato il vincitore della classifica generale ha raggiunto la frequenza cardiaca più alta dell’intera competizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *